Primo Piano

Giornata Mondiale dell'Ambiente

5 giugno 2017
Connection People to Nature è il tema di quest'anno

Abbiamo scelto per celebrarla due passi del messaggio del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella:

“…lo sfruttamento delle risorse non oltrepassi la loro capacità di riproduzione e che la distribuzione dei beni sia ordinata nel segno della giustizia…”

 "L'agenda di Parigi sui cambiamenti climatici era stata accolta come un importante passo in avanti: ora i contenuti di quell'accordo vanno implementati. Non sarà una strada facile, ma può e deve essere percorsa. Il nostro Paese ospiterà a giorni il G7 dell'Ambiente e si adopererà per allargare la condivisione: l'impegno per avversare i mutamenti del clima è parte integrante degli obiettivi inseriti nell'agenda 2030 delle Nazioni Unite".

e di pubblicare una traduzione in italiano della:

Dichiarazione Italia-Germania-Francia sull'annuncio degli USA dell'uscita dall'Accordo di Parigi sul clima (*).

 Noi, capi di Stato e di governo di Francia, Germania e Italia, prendiamo atto con rammarico della decisione degli Stati Uniti d'America di ritirarsi dall'accordo universale sul cambiamento climatico.
L'Accordo di Parigi rimane una pietra angolare della cooperazione tra i nostri paesi per affrontare efficacemente e tempestivamente i cambiamenti climatici e per attuare gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell'Agenda del 2030.
Riteniamo irreversibile il momento generato a Parigi nel dicembre 2015 e crediamo fermamente che l'accordo di Parigi non possa essere rinegoziato, in quanto strumento vitale per il nostro pianeta, le nostre società e le nostre economie.
Siamo convinti che l'attuazione dell'accordo di Parigi offre grandi opportunità economiche per la prosperità e la crescita nei nostri paesi e su scala globale.
Ribadiamo pertanto il nostro impegno più forte per attuare rapidamente l'Accordo di Parigi, inclusi i suoi obiettivi di finanza sul clima e incoraggiamo tutti i nostri partner a velocizzare le loro azioni per combattere il cambiamento climatico.
Faremo crescere gli sforzi per sostenere i paesi in via di sviluppo, in particolare i più poveri e più vulnerabili, nel conseguimento degli obiettivi di mitigazione e adattamento.

Paolo Gentiloni
Emmanuel Macron
Angela Merkel

 

(*) Testo ufficiale:  http://www.governo.it/articolo/dichiarazione-italia-germania-francia-sullannuncio-degli-usa-delluscita-dallaccordo-di

 

 

"Particolarismi e bene comune: un divario crescente da colmare"

Il ruolo della politica, delle formazioni sociali, dei media.

CNEL, 23 maggio 2017

Si è tenuto al CNEL il 23 maggio il Seminario promosso dal Tavolo di Coordinamento del Forum MyBES.

L’ampia relazione di Nando Pagnoncelli ha offerto più di uno spunto agli interventi ed al dibattito che si sono succeduti e che rimane aperto.

A questo fine lo pubblichiamo.

Riconnettere particolarismi e bene comune è condizione imprescindibile per affrontare le sfide della complessità che comporta in questo tempo il costruire una economia giusta, una società giusta, senza far venir meno i valori di una democrazia effettivamente partecipata.
 
 

DOCUMENTO DI ECONOMIA E FINANZA 2017(*)

Il Benessere equo e sostenibile nel processo decisionale

La crisi e prima ancora la globalizzazione hanno reso evidenti i limiti di politiche economiche volte esclusivamente alla crescita del PIL. L’aumento delle diseguaglianze negli ultimi decenni in Italia e in gran parte dei Paesi avanzati, la perdurante insufficiente attenzione alla sostenibilità ambientale richiedono un arricchimento del dibattito pubblico e delle strategie di politica economica.

In questa prospettiva, nell’agosto del 2016 il Parlamento con voto a larga maggioranza ha inserito nella riforma della legge di contabilità e finanza pubblica il benessere equo e sostenibile tra gli obiettivi della politica economica del Governo. Il DEF dovrà riportare l’evoluzione delle principali dimensioni del benessere nel triennio passato e, per le stesse variabili, dovrà prevedere l’andamento futuro nonché l’impatto delle politiche. L’Italia è il primo Paese avanzato a darsi un compito del genere. 

In attesa delle conclusioni del Comitato per gli indicatori di benessere equo e sostenibile al quale la legge dà il mandato di selezionare e definire gli indicatori che i governi saranno tenuti ad usare per monitorare l’evoluzione del benessere e valutare l’impatto delle politiche, il Governo ha deciso di introdurre in via provvisoria alcuni indicatori di benessere già in questo esercizio. Accanto agli obiettivi tradizionali – in primis PIL e occupazione che continuano a essere indicatori cruciali al fine di stimare e promuovere il benessere dei cittadini – il DEF illustra l’andamento del reddito medio disponibile, della diseguaglianza dei redditi, della mancata partecipazione al mercato del lavoro, delle emissioni di CO2 e altri gas clima alteranti. Per le stesse variabili il DEF fissa anche gli obiettivi programmatici.

(*)http://www.mef.gov.it/focus/article_0031.html
Siamo quindi in presenza di una apprezzabile applicazione “sperimentale”.
Resta politicamente aperta l’esigenza del coinvolgimento delle rappresentanze delle imprese, del lavoro e della società civile nella scelta e nella validazione sociale degli indicatori da considerare in futuro nel DEF, i quali consentiranno di valutare gli effetti delle politiche pubbliche sulle grandezze economiche, sociali e ambientali che concorrono a definire il concetto di benessere equo e sostenibile.
 

2° Rapporto di Tecnè e Fondazione Di Vittorio
"La qualità dello sviluppo e il benessere socio-economico on Italia"
Un Paese in deficit di fiducia e di futuro


Presentato l’11 febbraio il 2° “Rapporto sulla qualità dello sviluppo in Italia” realizzato da Tecnè e dalla Fondazione Di Vittorio che - senza alcuna pretesa di esaustività - ha l’obiettivo di misurare lo stato di salute del Paese da uno specifico punto di vista: quello delle disuguaglianze territoriali.

 

In evidenza

Il Barometro Regionale della CISL del Benessere/Disagio delle famiglie
Maggio 2017

 

Integrativo del Barometro Nazionale CISL, mostra i diversi andamenti a livello regionale del benessere delle famiglie.

 I grafici mostrano, che posto uguale a 100 il livello del benessere nel suo complesso in Italia nel primo trimestre 2007 tutte le regioni italiane presentavano al IV trimestre 2016 livelli di benessere complessivi sui tre indicatori considerati del Lavoro, dell’Istruzione e della Coesione sociale, ancora largamente inferiori a quelli segnati all’inizio della crisi. Riduzione particolarmente pesante per l’indicatore della Coesione sociale. 

https://www.cisl.it/focus/5794-barometro.html

 

Gli aderenti segnalano

Concorso 2017 "Lo Sviluppo locale che vorrei: equo e sostenibile"
Assegnati i Premi della 6a edizione

 

La Commissione giudicatrice del Concorso promosso da Articolo Novantanove e ANP-CIDA ha assegnato il:

 

1° Premio alla Classe IV-C dell’Istituto “A. BELTRAME” di Vittorio Veneto (TV) per il Progetto “FEELIN’ FOOD”

2° Premio alle Classi IV - L-P-T dell’Istituto “G. GALILEI” di Roma per il Progetto “LE STANZE DI GALILEO”

3° Premio alle Classi IV - A e D dell’Istituto” V. CALO’”di Grottaglie (TA) per il Progetto “EQUI.S”

 

Il Concorso ha avuto il patrocinio di Ministero dell’Ambiente, Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, ANCI, Unioncamere, Fondazione CON IL SUD, Forum MyBES.

Sito web: http://www.losviluppolocalechevorrei.it

 

Canale YouTube My Bes Forum
Osservatori Permanenti

Flash

Economia - Google News

Lavoro - Google News

  • 25/06/2017 Rossi: "Lavoro tutto l'anno per provare emozioni così" - Sky Sport
    Sky SportRossi: "Lavoro tutto l'anno per provare emozioni così"Sky SportLa vittoria ad Assen ha una valore speciale per Valentino: "Ci sono tante ragioni per essere contento, ma ciò che mi rende più felice è che oggi sono tornato a vincere. Io corro in moto e lavoro tutto l'anno per queste emozioni. Il nuovo telaio? Mi ...altro »
  • 25/06/2017 Jim Estill: «Ai profughi diamo un lavoro, non elemosine» - left
    leftJim Estill: «Ai profughi diamo un lavoro, non elemosine»leftLa casa, dove I consume the news, dove – letteralmente – “consuma le notizie”. Ti risponde così Jim Estill, imprenditore canadese, 60 anni, se gli chiedi dove si trovava esattamente, quando ha preso la decisione che ha cambiato la vita di centinaia di ...
  • 25/06/2017 Falcade, spazzaneve al lavoro per togliere la grandine - il Corriere delle Alpi
    il Corriere delle AlpiFalcade, spazzaneve al lavoro per togliere la grandineil Corriere delle AlpiViolentissimo temporale nella zona del Passo San Pellegrino. Problemi ai ciclisti e ai motociclisti di Andrea Selva. Tags. grandinata. 25 giugno 2017. PASSO SAN PELLEGRINO. Un temporale del genere sul passo San Pellegrino non si era mai visto: chicchi ...altro »

Sociale - Google News